CORSO GRATUITO PER OPERATORI DEL MERCATO DEL LAVORO

Enac Veneto,  in collaborazione con STAFF Agenzia per il Lavoro, Ficiap Veneto, Università degli Studi di Verona, Lavoro & Società, CISL Veneto, Centro Servizi CISL Verona, Engim Veneto, Penta Formazione, Medialabot srl, e Centro Studi Don Calabria, promuove un percorso gratuito propedeutico all’accreditamentoregionale come Operatore del Mercato del Lavoro (OML).

OBIETTIVI DEL PROGETTO: Il progetto intende erogare un Percorso di Formazione Professionalizzante con l’obiettivo di fornire ai partecipanti conoscenze, competenze ed abilità necessarie a ricoprire il ruolo di Operatore del mercato del Lavoro locale (OML).

La figura dell’OML promuove e stabilisce contatti con i datori di lavoro al fine di rilevare le vacancy, interroga e gestisce le banche dati per ricercare offerte di lavoro idonee, presidia le fasi di segnalazione ed incontro tra i candidati resisi disponibili ed i datori di lavoro, fino al recepimento e alla registrazione del riscontro finale sugli esiti del servizio erogato. Assiste inoltre gli utenti in cerca di occupazione nella definizione di un proprio progetto professionale, sostenendoli nell’individuazione dei propri punti di forza e di debolezza, nella redazione del CV ed assistendoli nella scelta delle opportunità formative più utili alla loro crescita professionale.

Al termine del percorso formativo l’allievo/a sarà in grado di:

  • Accompagnare l’utente nel percorso di inserimento e/o reinserimento lavorativo
  • Elaborare con il cittadino un piano professionale verificandone la fattibilità
  • Gestire i colloqui di prima accoglienza per soddisfare esigenze informative di cittadini interessati a modificare la propria situazione lavorativa
  • Gestire i colloqui per individuare le risorse personali e professionali dell’utente del servizio, spendibili nel mercato del lavoro (individuazione dei punti di forza e debolezza, redazione di un curriculum vitae efficace, selezione delle opportunità formative coerenti con lo sviluppo del profilo professionale dell’utente)
  • Gestire l’incrocio domanda offerta di lavoro, promuovendo e stabilendo contatti con le aziende del territorio al fine di individuare le vacancy e i fabbisogni
  • Monitorare l’andamento delle azioni poste in essere a favore degli utenti del servizio, intervenendo con eventuali azioni correttive

 

DESTINATARI: Il progetto è rivolto a n. 10 persone, in possesso almeno di diploma di istruzione secondaria di II grado che permette l'accesso all'università.

Requisiti preferenziali che saranno valutati in fase di selezione saranno:

  • possesso di Laurea in Giurisprudenza, Psicologia, Economia, Scienze politiche, Scienze della formazione, Scienze dell'educazione oppure almeno due anni di esperienza comprovata da cv nell’attività di servizi per il lavoro.
  • essere in status di disoccupazione (sono esclusi coloro che stanno svolgendo un tirocinio extracurriculare)

I titoli di studio conseguiti all'estero saranno ritenuti validi per l'accesso al corso solo se accompagnati dall’esito di una procedura di attribuzione di valore legale del proprio titolo.

Per i cittadini stranieri sarà necessario copia del titolo di studio conseguito in Italia o copia della dichiarazione di superamento della prova di lingua italiana rilasciata dalla Regione Veneto oppure copia del certificato di competenza linguistica rilasciato dagli enti certificatori di livello almeno B1.

DURATA, SEDE DI SVOLGIMENTO E STRUTTURA PERCORSO: Il percorso, della durata di 300 ore, sarà realizzato indicativamente da fine maggio a luglio 2022; presso ENAC Veneto, Via S. Giuseppe, 10 – 37123 Verona.

Gli ambienti in cui si svolgeranno le attività sono stati predisposti secondo le normative vigenti in materia di distanziamento sociale per la prevenzione della diffusione della pandemia Covid-19.

BENEFIT: L'attività, previa iscrizione gratuita all’agenzia Staff, non comporta costi di iscrizione a carico dell'utente. In caso contrario la quota di iscrizione sarà di € 1.500,00. Il superamento con esito positivo del corso sostituisce l’anno di esperienza richiesto per l’accreditamento regionale.

DOMANDA DI AMMISSIONE: Per partecipare alle selezioni è necessario scaricare la domanda di ammissione dal sito https://www.enacveneto.it/verona e inviarla, completa di tutti gli allegati specificati sulla domanda stessa, all’indirizzo email: verona@enacveneto.it, entro 16/05/2022

Il/la candidato/a dovrà ricevere conferma di ricezione della documentazione e completezza della stessa per potersi presentare alla selezione; verrà inoltre fissato un appuntamento individuale per il colloquio di selezione al fine di evitare assembramenti.

MODALITA' DI SELEZIONE:  Le selezioni si terranno presso ENAC Veneto, il 18/05/2022, a partire dalle ore 9.30. La selezione si baserà sulla valutazione del curriculum vitae e su un colloquio conoscitivo-motivazionale.

L’ammissione avverrà in base ad una graduatoria risultante dalla prova di selezione, stilata da un’apposita commissione e pubblicata sul sito dell’ente entro 5 giorni lavorativi dalla data di selezione.

 

Il presente annuncio è rivolto a entrambi i sessi e a persone di tutte le nazionalità, nel rispetto dei principi di non discriminazione e di pari opportunità, fermi restando i criteri di ammissione previsti dal bando stesso.

Il progetto sarà soggetto a valutazione da parte di Regione Veneto e la realizzazione dell’attività sarà quindi subordinata all’approva-zione del progetto stesso da parte dell’Amministrazione Regionale

Per visualizzare la locandina clicca qui, e qui per il bando completo.

Ultime News

RIAPERTURA SELEZIONI - LAVORI DI PUBBLICA UTILITA’ E CITTADINANZA ATTIVA 2022 – COMUNE DI ERBÉ

“LAVORI DI PUBBLICA UTILITA’ E CITTADINANZA ATTIVA 2022- COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO E COMUNI ADERENTI AL PATTO TERRITORIALE PER IL LAVORO DISTRETTO OVEST VERONESE” RIAPERTURA DELLE SELEZIONI PER I COMUNI DI CAVAION VERONESE E RIVOLI VERONESE Con DGR n. 1320 del 25 ottobre 2022 la Regione del Veneto ha aperto i termini per la presentazione di progetti di pubblica utilità a favore di soggetti svantaggiati esclusi dal mercato del lavoro. Tale provvedimento è finalizzato a sostenere i cittadini maggiormente in difficoltà e a rischio povertà attraverso l’esperienza di lavori socialmente utili correlati ad azioni di orientamento e ricerca del lavoro, al fine di favorirne l’inclusione dei beneficiari. I Comuni di Bardolino, Brentino Belluno, Castelnuovo del Garda, Cavaion Veronese, Erbé, Isola della Scala, Pescantina, Peschiera del Garda, Povegliano Veronese, Rivoli Veronese, San Pietro in Cariano, San Zeno di Montagna, Sant’Ambrogio di Valpolicella, Sommacampagna, Sona, Trevenzuolo, Valeggio sul Mincio, Vigasio, Villafranca di Verona hanno aderito proponendo il Progetto denominato “Lavori di Pubblica utilità e cittadinanza attiva 2022-Comune di Valeggio sul Mincio e Comuni aderenti al Patto Territoriale per il Lavoro distretto Ovest veronese”. Il progetto verrà realizzato da Lavoro & Società in collaborazione con i partner operativi I Piosi Cooperativa Sociale, Beta Cooperativa Sociale, Prestatori Cooperativa Sociale, Sol.Co. Verona, Il Ponte Cooperativa Sociale, Energie Sociali Cooperativa Sociale. I Comuni di Cavaion Veronese e Rivoli Veronese riaprono le selezioni e i termini per la presentazione delle candidature. MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE: ●Può candidarsi al progetto il cittadino residente o domiciliato presso uno dei Comuni partecipante al progetto; ●la partecipazione è subordinata alla presentazione presso il Comune di propria residenza o domicilio di una domanda di adesione, che - a pena di esclusione - deve obbligatoriamente contenere tutte le informazioni richieste ed essere completa della documentazione necessaria; ●i candidati riceveranno tutte le comunicazioni esclusivamente attraverso l’indirizzo di posta elettronica dichiarato nella domanda di adesione; i candidati sono pertanto invitati a controllare la casella di posta elettronica; ●l’assenza del candidato nel giorno e nel luogo indicati per la selezione, salvo giustificato motivo (da documentare al Comune), verrà considerata rinuncia al progetto.   Per visualizzare la locandina CLICCA QUI DOCUMENTI ALLEGATI Domanda di Partecipazione scarica il documento - formato pdf 498 kb Domanda di Ammissione scarica il documento- formato pdf - 259 kb


  • 26 Settembre 2023
Lavori di Pubblica Utilità e Cittadinanza Attiva - Comuni della cordata di Valeggio sul Mincio -GRADUATORIA AMMESSI

"Lavori di pubblica utilità e cittadinanza attiva 2022 - Comuni della cordata di Valeggio sul Mincio" - Graduatoria ammessi al progetto A seguito dei colloqui di selezione svolti nelle giornate 24-25-26-27-28 luglio 2023, si pubblica la graduatoria dei candidati ammessi al progetto Lavori di Pubblica Utilità. I candidati ammessi con riserva subentreranno nel progetto solamente in caso di rinuncia da parte di un candidato ammesso (relativamente al proprio Comune di appartenenza). Per visualizzare la graduatoria clicca qui


  • 04 Agosto 2023
Lavori di Pubblica Utilità e Cittadinanza attiva- Comune di Bovolone- GRADUATORIA AMMESSI

"Lavori di pubblica utilità e cittadinanza attiva 2022 - Comune di Bovolone" - Graduatoria Idonei e Graduatoria Idonei Ammessi con Riserva A seguito della valutazione dei requisiti dei candidati, svoltosi durante i colloqui di selezione il 18.07.2023, dalla Commissione incaricata, si pubblicata la graduatoria dei candidati ammessi/non idonei al progetto e dei candidati riserva che subentreranno nel caso di ritiro dei candidati ammessi, in ordine di punteggio.   Per visalizzare l'elenco degli ammessi al progetto, clicca qui


  • 24 Luglio 2023
PROGETTO JOBGYM SI RIVOLGE AGLI OPERATORI CON LA FORMAZIONE DEDICATA ALLA PIATTAFORMA PLAN YOUR FUTURE!

Nell’ambito del progetto Jobgym finanziato da Cariverona, ENGIM VENETO e Fondazione EDULIFE presentano la seconda occasione di formazione rivolta a Operatori Mercato del Lavoro, assistenti sociali, educatori e orientatori. In seguito al successo del primo incontro, il progetto continua con le esperienze dedicate a chi opera nell’ambito della ricerca attiva del lavoro e dell’orientamento formativo e lavorativo per i giovani. L’argomento di questa occasione formativa è il portale PLAN YOUR FUTURE. PLAN YOUR FUTURE è un portale “free access” con registrazione gratuita che racchiude numerosi contenuti prodotti e validati scientificamente da una equipe composta da esperti di orientamento. Gli obiettivi della piattaforma sono: semplificare il processo di ricerca di informazioni utili alla scelta, attraverso percorsi che raccolgano e sintetizzino, tra quanto di meglio già esiste, i contenuti più importanti legati a un tema orientativo. creare uno spazio di comunicazione e scambio tra il mondo della scuola e lavoro, attraverso il rapporto diretto con professionisti che in diversi settori operano nel mondo del lavoro. offrire a docenti e consulenti di orientamento uno strumento che faciliti le attività di orientamento a scuola e potenzi la loro efficacia educativo-formativa.   La formazione è un’occasione unica per esplorare i due percorsi costruiti appositamente per il Progetto Jobgym e rivolti specificatamente agli operatori del mondo dell’orientamento al lavoro: VIAGGIO NEL MERCATO DEL LAVORO DI OGGI IL SENTIERO DELLA RICERCA ATTIVA DEL LAVORO   Il corso si terrà presso la sede di 311 Verona (Lungadige Galtarossa, 21, 37133 Verona VR), MERCOLEDI 21 SETTEMBRE dalle 14 alle 18. Per iscriversi alla formazione è necessario compilare il seguente Doc Google:  https://docs.google.com/forms/d/1MqxbKXQxN-u5igl4f_9W8ojX3AimYT63U7fTTChLcNA/edit?usp=sharing STAY TUNED!!


  • 29 Agosto 2022
DDR 771 del 29/11/07 - Allegato A Modello Profilazione

Sono pervenute da Regione Veneto le nuove normative in merito all'esito del calcolo della profilazione per gli utenti dell'Assegno per il lavoro. Il documento precisa che l'anzianità di disoccupazione non è la sola variabile considerata dall'algoritmo per il calcolo della fascia (A, B, C). Pertanto, anche in presenza di un'anzianità di disoccupazione lunga è possibile ottenere per un utente una profilazione in fascia A o B. L'algoritmo calcola la probabilità per l'utente di rioccuparsi entro 24 mesi dal rilascio della dichiarazione di immediata disponibilità (DID). Tale probabilità è determinata sia dalla durata della disoccupazione, sia dalla valutazione dei seguenti caratteri: genere; età; cittadinanza; livello di studio; disabilità; motivo cessazione ultimo rapporto di lavoro; qualifica del rapporto di lavoro precedente; ateco del rapporto di lavoro precedente. Per ulteriore approfondimento, è possibile scaricare la DDR 771 del 29/11/07 che presenta nel dettaglio il modello per la profilazione.


  • 03 Dicembre 2021
Avviso pubblico per l'assegnazione di una borsa di animazione territoriale

Lavoro & Società , in partnership con numerosi soggetti pubblici e privati, è assegnataria del progetto “PASSI: Patti territoriali e ATS per i Servizi Scaligeri di Inclusione” (cod. 4363-0001-73-2021)  per l’area territoriale scaligera della provincia di Verona, approvato nell’ambito del bando “AICT 2021” - DGR n. 73 del 26/01/2021, Verrà assegnata n. 1 borsa di animazione territoriale allo scopo di rafforzare, attraverso il coinvolgimento di una specifica figura professionale, il networking tra i diversi stakeholder coinvolti nella rete e nella realizzazione delle attività progettuali. Tale figura avrà anche il compito di contribuire alla promozione e diffusione delle iniziative sui territori, favorendo occasioni di confronto ed integrazione con altre progettualità finanziate anche attraverso differenti fondi. Destinatari Sono invitati a manifestare interesse persone di ambo i sessi: a) Occupate o disoccupate in possesso di laurea specialistica e/o magistrale. Se occupate, l’attività lavorativa dovrà essere compatibile con l’attività da svolgere nell'ambito del presente progetto e con l’impegno orario richiesto dal bando (160 ore/mese circa) b) Residenti o domiciliate in Veneto. Costituirà titolo preferenziale la residenza o domicilio nella provincia di Verona, al fine della necessaria conoscenza del tessuto sociale, economico e produttivo del territorio. c) In possesso di un curriculum scientifico - professionale che certifichi esperienze di durata pluriennale, acquisite in ambito di gestione delle reti territoriali relativamente all’attuazione delle politiche sociali e del lavoro; I titoli indicati dovranno essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione delle manifestazioni di interesse. Oggetto, importo e durata della Borsa L’assegnatario della borsa opererà in stretta collaborazione con i funzionari di LAVORO & SOCIETÀ SCARL e sotto la supervisione dei referenti degli Ambiti Territoriali Sociali (ATS) di Verona, Legnago e Sona.   Per avere tutte le informazioni dettagliate e per sapere le modalità di candidatura: SCARICA L'AVVISO COMPLETO Se hai deciso di candidarti, compila la "Domanda di partecipazione FSE"  


  • 30 Luglio 2021
JobGym entra nel vivo! Parte l'APECAR per incontrare i giovani nei quartieri di Verona

Un’apecar nei quartieri di Verona per incontrare giovani da inserire nel mondo del lavoro. Grazie al progetto JobGym, personale qualificato incontrerà in uno Sportello di lavoro itinerante, a partire dalla prossima settimana, gli under 30 disoccupati o inoccupati, nei loro luoghi di aggregazione, per trovare loro un’occupazione mirata, attraverso percorsi di orientamento e formazione. Il progetto è stato presentato oggi a Palazzo Barbieri alla presenza del Sindaco di Verona Federico Sboarina, dell’Assessore al Lavoro e Istruzione del Comune di Verona Daniela Maellare, del Consigliere delegato di Lavoro & Società Orazio Zenorini e della Responsabile area attività istituzionali Fondazione Cariverona Marta Cenzi. JobGym è sviluppato da una rete di soggetti operanti nel territorio veronese nel settore dell’istruzione, dell’inserimento lavorativo, delle politiche attive del lavoro, dell’innovazione. Capofila è Lavoro & Società, a cui si aggiungono nove realtà a partire dal Comune di Verona, Fondazione Engim Veneto, Sol.Co. Verona s.c.s.c., Hermete Società Cooperativa Sociale a r.l, Mag Mutua per l'Autogestione Coop. Soc., Energie Sociali Cooperativa Sociale Onlus, COSP Verona, Fondazione Edulife Onlus, T2i - trasferimento tecnologico e innovazione s.c.a r.l. Il progetto con un costo complessivo di 538.000 euro è cofinanziato dalla Fondazione Cariverona con un importo di 430.000 euro. Il progetto si rivolge ai giovani veronesi tra i 16 e 30 anni con l’obiettivo di intervenire per colmare il divario tra competenze richieste dalle aziende e la formazione dei ragazzi, poiché il mondo dell’istruzione non ha ancora sviluppato tutte le preparazioni necessarie spendibili immediatamente nel mondo del lavoro e allo stesso tempo il mercato si trasforma molto velocemente richiedendo adattabilità ai cambiamenti, capacità creative e orientamento al problem solving. Inoltre, la formazione post-scolastica presenta lacune in termini di sviluppo delle competenze trasversali (cosiddette soft skills) e della capacità di sviluppare le potenzialità delle persone. Per iscriverti e saperne di più sul progetto...clicca qui!


  • 11 Giugno 2021
Patti Territoriali: 2 articoli che parlano del Comune di Arcole e dello Sportello Unico presso il Comune di Grezzana

Verona, 06/04/2021 Anche oggi si parla della nostra agenzia e del suo ruolo di coordinamento e di supporto tecnico dei patti teriritoriali, unione di Comuni nate per promuovere servizi e misure di politica attiva per il lavoro e favorire l'inserimento e il reinserimento lavorativo di persone in condizione di svantaggio sociale e occupazionale Riportiamo 2 articoli usciti proprio oggi sul quotidiano "L'Arena": nel primo articolo la notizia dell'entrata del Comune di Arcole nel Patto Territoriale dell'est veronese che vede già uniti i comuni di San Bonifacio (ente capofila), Grezzana, Lavagno, Velo, Cerro e Roverè. Nel Secondo articolo tutte le ricerche in corso presso lo Sportello Unico del Comune di Grezzana! Buona Lettura! Leggi articolo: ARCOLE. Accordo per aiutare chi ha perso il lavoro Leggi articolo: GREZZANA: Lessinia e Valpantena, fame di lavoro  


  • 06 Aprile 2021
Il lavoro a Sona ad un anno dall'inizio della pandemia

01/04/2021 Riportiamo di seguito l'articolo uscito sulla rivista "IL BACO DA SETA" che racconta con fatti e numeri "il lavoro"  presso il Comune di Sona e le attività dello Sportello Lavoro! Buona Lettura   Leggi articolo completo


  • 01 Aprile 2021
Comune di Legnago: stanziati 4 milioni nel sociale e si punta all'assegno per il lavoro con Lavoro & Società

COMUNE DI LEGNAGO I 25 sindaci dei Comuni riuniti nel distretto 3 Pianura veronese hanno varato il nuovo piano di zona finanziato dagli stessi enti con 25,79 euro per abitante Sociale, stanziati quattro milioni Fabio Tomelleri Destinati fondi a servizi domiciliari per gli anziani progetti per i disoccupati e sostegni per i bisognosi Saranno realizzati quattro alloggi per i disabili La popolazione della Bassa cresce ed invecchia. Di questi fattori, come di altre criticità, tra cui i crescenti casi di povertà accentuati dall'emergenza Covid in atto, terrà conto il Piano di zona varato dal comitato dei 25 sindaci dei Comuni del distretto 3 Pianura veronese dell'Ulss 9 Scaligera. Il «Piano di assetto territoriale» (Pat) del Sociale si baserà sul contributo diretto delle amministrazioni locali, le quali, mantenendo invariata anche per quest'anno la quota di 25,79 euro per abitante finanziata dai singoli bilanci comunali, garantiranno per i vari interventi un fondo complessivo di quattro milioni di euro. Dall'analisi effettuata dall'Azienda sanitaria per la redazione del Piano, dunque, emerge che la popolazione complessiva dei 25 centri dell'ex Ulss 21 ha registrato nell'ultimo anno un incremento dello 0,4 per cento, passando da 154.446 a 155.070 residenti. Per quel che concerne le fasce di età, quella dei giovanissimi, da zero a 14 anni, è scesa da 21.434 a 21.426 unità, passando pertanto dal 13,88 al 13,82 per cento del numero totale degli abitanti. Per contro, sono cresciuti gli ultra 65enni, saliti da 34.530 a 34.895, e toccando quindi il 22,5 per cento della popolazione contro il 22,36 per cento precedente. Per quel che concerne le altre fasce di età, quella dei giovani tra i 15 ed i 17 anni è salita da 4.158 a 4.326 persone, mentre gli abitanti dai 18 ai 64 anni sono lievitati da 94.324 a 94.423. Scorrendo le statistiche relative ai vari Comuni, si scopre che Legnago è il centro che, in assoluto, ha più residenti dai capelli d'argento: all'ombra del Torrione gli over 65 sono difatti 6.520. Il capoluogo della Bassa conta pure il maggior numero di ragazzi, con 3.204 cittadini al di sotto dei 14 anni. Di fronte ad una realtà così complessa, nonostante gli ostacoli imposti dalla pandemia, i Comuni della Bassa sono riusciti a far decollare la rete dei tavoli territoriali, composti da amministratori e tecnici, dedicati ciascuno ad un'area sociale distinta, dalla famiglia agli anziani, passando per i disabili, vecchie e nuove povertà. «L'impegno degli assessori Giorgio Malaspina, di San Pietro di Morubio, e Veronica Leardini, di Gazzo», evidenzia Flavio Pasini, presidente del comitato dei sindaci del distretto 3 nonché primo cittadino di Nogara, «ha permesso il decollo in piena pandemia dei vari gruppi, che hanno lavorato con collegamenti in videoconferenza. Nelle varie riunioni organizzate sono state coinvolte le realtà del terzo settore, come associazioni e cooperative». Per quel che riguarda i singoli ambiti d'intervento, tra i progetti previsti nell'area della povertà e l'inclusione sociale ci sarà quindi il mantenimento di servizi essenziali in questo periodo. È il caso dell'«Emporio della solidarietà» di Legnago, finanziato con 18mila euro, e della mensa della Caritas cittadina ma anche di iniziative legate a chi ha perso il lavoro, come il progetto «Axl-Assegno per il lavoro», curato dall'agenzia Lavoro & Società per offrire assistenza nel ricollocamento professionale di 85 disoccupati con più di 30 anni di età residenti nei vari Comuni del territorio. Per quel che concerne gli anziani, tra le novità figura nel piano il servizio «Domiciliarità 2.0», che punterà a sviluppare una serie di servizi direttamente a casa delle persone della terza età, spaziando dal sostegno psicologico a vere e proprie mansioni, tra cui piccole manutenzioni domestiche. Tutto ciò grazie al finanziamento di 50mila euro stanziato dalla Fondazione Cariverona. Per il distretto 3 hanno aderito a quest'iniziativa i Comuni di Cerea, Legnago, Zevio, Bovolone, Sanguinetto, l' Unione Destra Adige e quella dall'Adige al Fratta. Sul versante della disabilità, tra le proposte del Piano che decolleranno nei prossimi 26/3/2021 Stampa Articolo - PROVINCIA - L'Arena Clic file:///C:/Users/utente/Desktop/Articolo_Patto Legnago (1).html 2/2 mesi c'è invece il progetto denominato «Condominio H...abitare», proposto dalla cooperativa sociale Mea di Vicenza. La quale intende realizzare, in un immobile storico situato in via Campi di Su, alla periferia di Cerea, tre appartamenti di «cohousing», ovvero con spazi e servizi collettivi, e quattro alloggi per la vita indipendente destinati ai portatori di handicap della Bassa.


  • 25 Marzo 2021

visualizza tutte le news

visualizza tutte le news